Tradizione

Barbera d'Asti D.O.C.G.

19 novembre 2016
Barbera d'Asti D.O.C.G. 2016 - Bottiglia da lt. 0,75.
Premiato 7° Concorso VininVilla 2013 Barbera d'Asti docg 2012

Vitigno.
Barbera (in purezza). Affinato e stabilizzato in vasche d’acciaio.
Coltivazione.
Coltivazione attenta in vigneto che permette di non utilizzare prodotti chimici di sintesi. Tutta la produzione è ottenuta da vigneti di proprietà, in Cisterna d’Asti e San Damiano d’Asti.
Invecchiamento in bottiglia.
Fino a 6 anni.
Caratteristiche organolettiche.
Alcool distillaz. O.I.V. 13,50% vol.
Colore.
Rosso rubino intenso.
Olfatto.
Floreale, fruttato, vinoso, ampio con note di rosa, ciliegia, prugna.
Gusto.
Secco, caldo, morbido, fresco, abb. tannico, sapido, pieno e gradevole.
Temperatura di servizio.
18°- 20° C.
Affinità alimentari.
Da abbinarsi a carni rosse, selvaggina, formaggi a pasta dura.
Masè u luv(ammazzare il lupo)
Verso la fine di agosto e l’inizio di settembre, alcuni tra i più poveri si recavano nelle vigne a raccogliere i primi grappoli maturi e con questi facevano un po’ di vino da bersi a breve tempo. Se venivano interpellati su cosa stessero facendo rispondevano : “von a masè u luv”. In questa azione motivata dalla mancanza di vino vi era un significato propiziatorio. Nell’antica Roma, il 19 agosto, venivano celebrati i “vinalia rustica” in tale occasione si attuava una vendemmia “primiziale” compiuta dal Sacerdote di Giove, alla quale seguiva la vendemmia vera e propria.